Supported bylogo-aispa

Un Passaggio per l’Orso

Per aiutare l’orso a riconquistare il suo habitat naturale

 

1. Presentazione

La popolazione di orsi bruni degli Appennini è stata classificata come sottospecie con il nome di Ursus arctos marsicanus (Altobello, 1921), basandosi su diversità genetiche e morfologiche (Loy et al. 2008). Una delle principali minacce alla sua sopravvivenza è la persecuzione diretta dovuta ai conflitti con le attività umane. Il progetto “Un passaggio per l’orso” consiste di una serie di interventi di conservazione per prevenire conflitti tra uomini e orsi ed educare le comunità locali a convivere con gli orsi.

 

2. Aree di intervento

Il progetto si concentra principalmente sull’areale periferico di distribuzione dell’orso marsicano secondo la cartografia PATOM, che è criticamente importante per favorire il processo di ricolonizzazione e assicurare la sopravvivenza della popolazione. Questi territori collegano il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM), che ospita tutte le femmine riproduttive, con vaste e idonee aree protette, come il Parco Nazionale della Majella, il Parco Regionale dei Monti Simbruini e il Parco Regionale Sirente Velino.

 

3. Strategie

overturned-boulderLe azioni principali proposte in questo progetto includono:

    • Identificare i segni di presenza dell’orso in aree idonee avvalendosi di vari metodi di monitoraggio faunistico (transetti, analisi genetiche in accordo con Parchi Nazionali e Riserve Regionali, osservazioni a distanza e attivazione di fotocamere faunistiche) e raccolta di testimonianze della popolazione locale per prevenire danni e possibili conflitti;
    • Mettere in sicurezza piccoli allevamenti e apiari a rischio elevato di essere attaccati dall’orso attraverso la fornitura di recinzioni elettrificate;
    • Fornitura di contenitori per la spazzatura a prova di orso se strettamente necessario;
    • Produzione e pubblicazione di un manuale di buone pratiche per costruire “Comunità a Misura di Orso” in aree di potenziale ricolonizzazione;
    • Eventi pubblici per distribuire il manuale, massimizzare la comprensione dell’utilizzo delle migliori pratiche; rafforzare il sostegno al progetto e costruire una capacità duratura di convivere con gli orsi;
    • Monitoraggio dell’efficacia delle nostre azioni sulla riduzione dei danni e sulle abitudini dell’orso.

 

4. Tattiche

bear-hairQueste azioni sono condotte dai volontari di Salviamo l’Orso dotati di capacità e competenze specifiche, per esempio gli studenti di Scienze Naturali dell’Università di Plymouth, sotto la supervisione di soci esperti e opportunamente formati. Il monitoraggio è essenziale per individuare le aree di passaggio dell’orso e mettere in pratica le misure di protezione dei piccoli allevamenti per la prevenzione dei conflitti. Inoltre, è fondamentale per raccogliere dati geografici sulla distribuzione dell’orso e per promuovere la conservazione dell’habitat e opporsi a progetti di infrastrutture che possano condurre alla frammentazione di aree idonee. Il progetto vuole realizzare un approccio di gestione dell’orso che sia innovativo e preventivo, attraverso la messa in sicurezza delle fonti alimentari, che possono condizionare il comportamento degli orsi e indurre a un’interazione diretta con le persone, e l’istruzione delle comunità locali sulle abitudini della specie e sulle migliori pratiche per convivere pacificamente con essa.

Soci esperti raccolgono e analizzano i dati prima e dopo l’attuazione delle azioni previste per individuare le dinamiche della popolazione hair-samplingfuori dai parchi nazionali.

Salviamo l’Orso organizza iniziative di raccolta fondi ( per indennizzare i danni da orso e acquistare ulteriori recinti elettrificati e loro componenti.

 

5. Durata

2016-2017 con possibilità di estenderlo agli anni successivi.

 

6. Budget

7.000 sterline grazie a una donazione di AISPA.

 

campagna_passaggio_orso

Salviamo l’Orso lavora per far convivere pacificamente uomo e orso. Con il tuo contributo, anche piccolo, ci aiuti ad acquistare i recinti elettrificati e a rifondere i danni provocati al bestiame e alle attività agricole nelle aree in cui la specie sta ritornando gradualmente.

Questa azione è un passaggio fondamentale per la tutela e l’espansione dell’habitat della specie. Con il tuo aiuto possiamo farcela!

Donazioni raccolte

€ 3.250,00 (già spesi per le azioni previste)

(aggiornato al 19 Aprile 2019)

 

 

 

Possiamo fare di più! Aiutaci con una donazione, il tuo contributo sarà speso direttamente per la tutela dell’orso!

Locandina ORSO-NEW-2